Al païs d'Lü, n. 1 (1989), p. 4

 

 

 

Macchiette e vedette. Tra riboti balusadi e fularià (prima parte)

Robi d’na vota

 

Alla ribalta

Personaggi di rilievo o protagonisti minori di piccole vicende nostrane, tipi, figure caratteristiche e macchiette della cronaca spicciola, ormai visti da lontano, li possiamo rievocare e quasi richiamare alla luce del nostro tempo.

Li vedremmo sfilare su un'ideale ribalta a rivivere patetiche vicende, felici spunti e ameni ghiribizzi della loro vita in mezzo a noi. Così potremmo rivolgere loro il nostro cordiale e commosso saluto e il nostro doveroso omaggio di eredi sensibili e attenti alle loro memorie e anche ammirati e divertiti per le loro lontane gesta.

Siamo lieti di incontrarli come tipici esemplari di quella scapigliatura paesana, sempre viva fra la nostra gente, ai quali va tutta la nostra simpatia e riconoscenza per quanto hanno saputo e potuto contribuire allo svolgimento della nostra vita e della nostra storia.

E se la ripresa di questi nostalgici contatti a distanza di anni ci fa rigustare il colore e il sapore nostrano anche solo di qualche piccola, estrosa o pepata loro vicenda umana e desta in noi un sorriso spontaneo e divertito o scatena una sonora risata, gliene saremo grati. Lo sappiamo tutti: “Finché il sole / Risplenderà su le miserie umane” la vita si svolge fra il serio e il faceto, fra riso e pianto, fra il tragico e il comico: “festi e bal, marëndi e riboti, luchëiri e buricadi, raugnoli e barüffi, balusadi e fularià”, con quanto di allegro, buffo e spiritoso comportano, fanno da sottofondo o da contorno anche alle più gloriose gesta dei nostri avi, che di mattane ne hanno conosciute e combinate la loro parte.

Non mancherà qualche soprassalto emotivo di fronte a patetiche figure appartenenti ai vari strati sociali, che hanno lasciato un segno della loro vita e delle loro imprese: gente minuta e arguta, popolani “mès artista e mès lingeri, c’as rangiavu cme chi pudivu, ma cun unùr… e po’ quoicadûn in poc pueta e in poc smorbi, chi piasiva giaudrà e as travu ansima a tücc, basta chi fìisa da sbafà…”.

I nostri esemplari, però, chiamati dall’oblìo alla ribalta dei nostri giorni, “a ieru tücc mes artista e mes pueta, in poc drolu e in poc balòs, ma la smurbità ai savu nonc se ca l'era...”.

 

"Rapucì e in poc uèrs"

L'Andreia a l'era al fieû dla Genia - ca l'andava a vëndi la vardüra cun du cavagni - e so pari l'era in umitën magar cmè 'n ciò, cit e mal ansima. Ai ‘ii givu "Cui dal Punara" ca l’era al pari dla Genia. Al fieu a l'era in rabatë pitòst rapucì e in poc uèrs, cun in oeûcc dau limèn bionc e l’atar gris, chi uardavu iûn a la driccia e l'at a la snistra, ma viscul, svêcc, cun in'andëira da pautë e na lëngua da pulòt fin da masnà e in mur uìs da fuën, fürb, drolu e simpatic”.

Stavano a Montalto, “an su sapè, in fondo a un vicolo cieco, in una casupola affiancata da altre catapecchie e da un orticello di poche spanne, appartenente a un omone detto “Pulënta e Marlücc loro parente. In quell’orticello, insieme a qualche pianta di insalata, c'era un bel fico che a primavera buttava fuori i bei bottoni verdi che poi sarebbero "fioriti" e maturati con quel bel colore rosso - marrone dei fichi detti “i fì gianuèis bei sgonfi e luccicanti in mezzo a tutte quelle larghe foglie verdi che inutilmente li proteggevano.

L'Andreia, cun la gula lônga na spana, ai iì duciava fin da quond chi cminsavu amnì var...”. Al maturar dei primi fichi “l'Andreia al furava la ciuënda, u sautava da scundô ans al fì e al barlicava i pì bei e i pì bôn...”. Una volta, due... ma alla terza “Pulënta e Marlücc al l’à ducià... l'à spicià cu rampiëisa fina a metà... po' l'è sautà sü, al l'à ciapà per la fônd dal braii e al l'à strisà fin'an tera, al l'à facc snugià e pò tnindlu per al cupêt al lu sarlucava e ai giva: Adès, ciama pardô...!”.

E l'altro nicchiava e mugolava... “Ciama pardô... insisteva scuotendolo l’omone, che però non infieriva su quel mucchietto di stracci rannicchiato e guaiolante ai suoi piedi… finché l’Andreia, all’ultima intimazione “Ciama pardô”, con un lampo di genio… e approfittando della sordità del parente e irridendolo, a testa bassa mugolò: “Mardô... Mardô…”.

Ma l'altro insoddisfatto insisteva: “Dilu pì fort...!”. E lui: Mardô... Mar… “. “Pì fort…!”. E l'Andreia a squarciagola ripeteva la sua irridente e sboccata invocazione che riuscì a placare le ire “d’Pulënta e Marlücc, ma dopo aver richiamato, con i suoi urli ben accentati e scanditi, alcuni vicini che si sbellicavano dalle risa nell'ascoltare quel duetto buffo e ridanciano fra il ladruncolo impertinente e insolente e il derubato che esigeva più clamorose impertinenze e più ignominiose insolenze.

 

"Se c'as crômpa cun in dubiô"

Di andamento diverso ma di identica espressività finale l'avventura dell’Andreia, fortunato trovatore ma deluso ricercatore, come riferisce un compagno, collaboratore nelle ricerche fallite.

Andando a scuola ci incontravamo abitualmente a Montalto: chi sbucava vicino a la buteja d'Cagna lo vedeva spuntare “da u sapè, tacà la buteja dla Bartulô”.

Un giorno lo vedo arrivare tutto raggomitolato e guardingo, col pugno chiuso sul petto e con gli occhi ammiccanti…, mi fa un cenno e sottovoce mi confida: “Aiò truvà in dubiô...!”.

E io incuriosito e invidioso: “E adès?...”.

Adès a vag a crumpà la roba pì bôgna chi sia...! Ven…“.

Sui due piedi decidiamo di andare “ant la buteja dla Mulêtta ca l'era an piasa e i givu ca l'ava dla roba special…“.

Erano circa le due del pomeriggio: dietro il bancone del reparto sale e tabacchi sonnecchiava il vecchio proprietario, “al Mulitô”, grande e grosso, bonario e burlone. A quell’ora arrivava soltanto qualche ragazzo “a crumpà na tuscana o na sigala russa per so pari o per so grond. As frucia ioeûcc e dop na bela bagiada am dis: Se c'aurìi, masnà?”. L’Andreia, alzandosi sulla punta dei piedi e aiutandosi con le mani aggrappate al bancone – l’era grond cmè in sold d'furmàcc gli spara: “Aiò in dubiô da spëndi… A veui quoicòs d'bôn...!”.

Il gran vecchio, che apprezzava anche “in gram dubiô”, comincia a suggerire con fare compiacente e persuasivo: “Crômpa dal carameli…. No! dice secco l'Andreia.

Crômpa di biscutè… - No!

Crômpa dla ciculata… - No!

Crômpa....

A questo punto l’Andreia, indispettito e deluso da quella sfilza di prodotti ordinari e volgari, sbotta rabbioso: “Crômpa, Crômpa... Crômpa in mardô!...”.

E u scapa via cmè in gat brisà, cun u so dubiô strëcc ant’al pügn...“. Al Mulitô, ancùr mes ambabià da la sogn, u dà in tramblô" e poi, da uomo navigato e di spirito, ridacchia facendo sussultare il suo pancione e commenta: “A l’è n’argnàc… ma l’à dal pëvri… e anca dla snavra…, is balòs…!”.

E nui iômma finì d’andà a cà dla Bartèigna a crumpà na brancà d’castagni sêcchi e… dui bisceûcc!”.

(continua)

Angelo Verri