Al païs d'Lü, n. 11 (1988), p. 3

 

 

 

Sunadi e sunadur (seconda parte)

Robi d’na vota

 

Musicisti nostrani

Oltre ai due violinisti di grido, altre figure di primo piano emergevano sulla scena musicale del paese:  le cornette “dal Filippo d’Cogiula e du Tunë ‘l furnà”, i flauti “dal Uisë d’Sarò e dal Mario dla Carlota” e non dimentichiamo “la terna di Giambrë, cun Giambrô al Colông chi dava andrënta cul chitarô, cioè al cuntrabàs o… la ‘mesa vaca’ – cme c’as giva per ridi – e po’ al Camillu (fior di calzolaio) e al Uanulë (sartù da n'eucc sul), dui fradè chi sunavu a urêggia e i fruciavu ans'al cordi di so viulë tre o quat noti sarnìii dau Ricu propi per lur, e i favu la so figüra ammès a iacc, cun di bei ‘gniru gniru’ d'acumpagnamënt, tirà feura cun bela grasia!. Uniti insieme attorno all'Enrico, questi musicisti nostrani costituivano una ben affiatata orchestrina, che si produceva in molte occasioni con musiche sacre e profane: partecipavano abitualmente alle processioni, specialmente nella festa di S. Valerio, con pezzi di occasione e con l’accompagnamento dei canti sacri e si univano all'organo e al coro nelle esecuzioni di Messe solenni. Erano poi tante le feste civili e le ricorrenze che impegnavano la brillante orchestrina, a cominciare “dal Bal a la Peisa, per la Madona d'Avust”.

 

“Dui fruciô ans'al Chitarô”

Era l'occasione più propizia per mettersi in mostra sulla tribunetta del ballo a palchetto, sfoggiando eccitanti ballabili per gli scalpitanti ballerini e per le roteanti ballerine.

Un pianoforte e due fisarmoniche potenziavano l'orchestra, che investiva piazza e balera con una vibrante massa sonora, con note squillanti e ritmi invitanti, che elettrizzavano ballerini e spettatori.

Nonostante questa atmosfera di allegria rumorosa e scatenata, in giro si diceva scherzosamente che “Giambrô dal Chitarô ogna tont u sgnucava e quond ca sa svigiava ai dava tre o quat fruciô au so Chitarô e ‘l miracu a l’era c'ai dava sëmp a lêug e tëmp e l'andava mai feura d'carsà… ! E aisì fra in sugnêt e dui fruciô ans la ‘mesa vaca’ ai pasava la sëira, la ciucca e... la fiaca...”.

 

Balli sulle aie

Fra i musicisti di paese i più ricercati e i più impegnati erano i suonatori di armonica, spesso affiancati da un chitarrista, richiesti per feste, balli e altre liete ricorrenze.

I vecchi ricordano ancora “u Toni du sibiêt e “l'Angrë dal mëistar”, un vecchietto arzillo, stranetto e solitario, che aveva un figlio monaco Olivetano, pensionato come Cappellano militare, don Marcellino, che stava a Roma, e che ogni mese gli mandava parte della sua pensione. Se il vaglia tardava, il padre voltava contro il muro la foto del figlio e diceva: “Adès t’at fasi viv, t’am vêgghi… !

Invitato a la Luva – una cascina della piana – per il ballo dopo la sfogliatura della meliga, “s’è piasà ans’in car e cun u so sunêt a butô l'à tacà na mazurca…”.

Durante l’intervallo il padrone passa col doppio litro a servire ospiti e ballerini e dimentica lui... che, già a bocca secca per il viaggio, pazienta e attacca un valzer... che fa piroettare ballerini e ballerine per l'aia. Nell'intervallo il padrone ripete il giro con il doppio litro e dimentica lui… Si attende una polca… e “l’Angrë dal meistar cun u sunêt ans’al spali l’è sa an tera, c’as n’unvà…”.

Gli si fan tutti d'intorno: “Cmè mai?... farmèvi... spicè...” e al padrone che si fa avanti “l'Angrë ai dìs” – con la sua fiacca abituale e sillabando in modo tutto suo – “A-vag-a-cà-a-bèi-vi-po-a-ven.

E non c'è stato verso: “L'à piantà là...  baraca e buratë... !”.

E se qualcuno lo salutava per strada con la formula abituale: “Andômma, Angrë...?” rispondeva immancabilmente: “A-ven-sa-iò-veuia”.

Tra i suonatori locali dei tempi lontani c'è chi ricorda ancora un vecchio violinista “al Pipë dal Valesi che con il figlio chitarrista ha battuto per lungo tempo paesi e cascine dei dintorni.

C'era poi un gruppo famigliare di suonatori originali, “i trec fradè d'Arvèi ‘Lichë, violino; Ricu, mandolino e Geniu, chitarra" che, con l'aggiunta “d'in brav flautista di Budlàc, u Liandrë du Joma”, hanno svolto un'ampia e apprezzata attività musicale “ant'al paìs e ans'al frustè”.

E smantiômma nënt 'la Müsica dal Sücchi', bitaia sü da Perdieci e dal Camilën dal Gril chi bifayu ant i ravòt e an certa sücchi piati e bugiataii, per teni alegra la gënt ant'al stali e bëivi quoich bicèr d'vën bôn, anveci dla ciurlaca passia ans la rapa di so vaslot... !

E per ultim, al pì sbalà di sunadur, ‘al Pilë dl'Urgglô’, c'al po' fa cubia cun ‘Spidài’, in frustè ca l'amniva a cantà ‘l cansô an piasa, cun na chitara sfundaia e na paiêtta cun l'ala stacaia, grond cmè la fam e magar cmè 'n ciò...

Al Pilë 'nveci l'era 'n'avgiòt in poc uers e malfrugià, con un organetto scassato sulle spalle e due cavalletti al braccio, che girava per i paesi vicini, piantando i cavalletti traballanti e l'organetto sulle piazze e sulle strade: e girando la manovella diffondeva “valzer, pulcri e masurchi con note stridule e laceranti, che pur richiamavano la gente e favorivano qualche improvvisato ballo rusticano, a piedi scalzi o “a scapinêtta”. E qualcuno ricorda ancora le allegre comari di Montalto che “scôusi cmè puloti, i favu i so dui o trei toc ammès la strà... a 'n sold a la sunada. E 'l gram Pilë, cun al spali rutti, al bras fiacà da la manêtta, ciuc per la strachêssa pü che per al vë... al finiva quasi sëmp ant in fòs e l'era l'ültima sunada dla giurnà”. Lo portavano a casa “ans na barosa d'pasagi e u rutrudàm d'cul orgu ai lu purtavu au Ricu, cul grand'om, ca s'adatava a anualà anche 'I gram arnëis d'in... culega cu sunava a manêtta...”.

 

Ultimi sprazzi

Chiusa la parentesi di queste patetiche figure dell’antica età, torniamo ai musicisti più vicini a noi e ancora fra noi, che sono l’espressione degli ultimi allievi del maestro Enrico, gli unici superstiti di una classe di suonatori locali e popolari, ormai destinata a scomparire: sono “al Pipë d’Tencc e u Gino Garlando (al fieu du Jancë dl’Ost)”, che suonano entrambi fisarmonica e chitarra ma formano abitualmente un brillantissimo “DUO” con il Gino, fisarmonica e il Peppino, chitarra.

Rallegrano riunioni e feste di ogni genere e anche se “i mücc d’mëlia ai ii sôn pü ans al i'ari di casinà sono ancora capaci di far ballare “rustici e patacchini”, “festi e dì d'lavù”!

È chiusa da tempo un'epoca... Vita e costume sono cambiati e chi è portato alla musica va al Conservatorio e punta alla professione e chi consuma moderna musica leggera va in discoteca o nelle balere di periferia.

Maestri come “u Ricu dla Trinità”, che aveva numeri e doti eccezionali, esperienza e pazienza didattica e soprattutto la “vocazione”, in giro non ce ne sono più ed è doveroso, per chi l'ha conosciuto e frequentato come amico e come maestro, rievocare la sua figura, rendere omaggio alla sua attività musicale, onorare la sua umanissima personalità, che lo rese prezioso e caro a tutti noi.

Conosceva la tecnica dei vari strumenti musicali di uso comune e fu orchestrale, come eccellente flautista e “solista” in esecuzioni operistiche a Casale per qualche tempo: famosa la testa “du Ricu dla Pupù col gran ciuffo ben accentuato, eseguita dal suo grande amico Onetti, che la collocò sopra un grande flauto verticale, come simbolo e insegna della sua prima orchestrina, “la müsica dla Pupù”.

Poteva diventare “Qualcuno” nel campo della musica, ma ha preferito restare “primo” nel suo paese che “secondo” altrove: aveva tutto del grande artista, perfino il fisico, che lo faceva stranamente e perfettamente rassomigliare a Toscanini, come un autentico sosia: figura, testa e capelli, viso e portamento, esaltati da una vivacità e da una espressività ammaglianti.

Non ha voluto fare carriera ed è rimasto fra noi, che l'abbiamo nel cuore e nella memoria come il più grande, geniale, simpatico musicista nato, vissuto e amato fra noi.

Angelo Verri